9. CIVICO ISTITUTO BELLINI

 

Il palazzo, oggi annesso all’Ospedale Maggiore e sede universitaria, fu costruito grazie all’elargizione della contessa Giuseppa Tornielli di Vergano, vedova Bellini, proprio perché ospitasse una scuola tecnica aperta a maschi e femmine. L’edificio, su di un’area messa a disposizione dal Comune, fu portato a termine nel 1837, su progetto dell’architetto milanese Pestagalli. Maria Antonietta Torriani frequentò la scuola tra il 1850 e il 1853. 
  


ISTITUTO CIVICO BELLINI (COLL. GUERRA)

 
«Altre volte, nelle scuole, anche civiche e governative, gli esami alla fine dell’anno scolastico si facevano in pubblico, alla presenza del sindaco, del prefetto, e di tutte le autorità cittadine. 
Specialmente nelle scuole femminili, gli esami erano una pompa, e vi si faceva più mostra di vanità che di sapere. Le interrogazioni e gli esperimenti erano combinati in modo da far figurare le allieve migliori, e da lasciare nell’ombra le mediocri. [...] 
Ogni insegnante chiamava quella che sapeva meglio istruita nella sua specialità, e pregava qualche personaggio autorevole d’interrogarla. 
Ed il pubblico, dopo aver uditi tre o quattro pappagallini ammaestrati ripetere le gesta di qualche eroe più o meno leggendario, enumerare dei fiumi e dei monti, e delle città capitali, eseguire qualche operazione aritmetica irta di moltiplicazioni e di segni difficili a capire, rimaneva sbalordito di tanta scienza» (I ragazzi di una volta e i ragazzi d’adesso, p. 115).
. 


 
Home page

 
Vai alla cartina