& Presentazione

20 anni di iniziative e libri del Centro Novarese di Studi Letterari
 

«Una particolare attenzione ai legami con il territorio novarese per la salvaguardia, la rivalorizzazione e la circolazione del suo patrimonio storico di scrittura, a beneficio comune» è l’impegno, indicato nello statuto, con cui nasceva nel 1989 il Centro Novarese di Studi Letterari lanciando Scrittori e città. L’immagine di Novara negli sguardi letterari dei suoi maggiori scrittori dell’ultimo secolo, ciclo di incontri divenuti un’antologia con l’avvio del progetto regionale “I luoghi delle parole”. Quanti volti ha un luogo? Tanti quante le storie dei suoi scrittori, studiati e riproposti in questi anni. Dal ’600 della Chimera di Vassalli al salotto dell’800 di Un matrimonio in provincia della Marchesa Colombi sono molte le pagine letterarie su Novara e il suo territorio, percorso da Graziosi sulla sua Topolino amaranto o da Soldati per gustare Un sorso di Gattinara o di Ghemme (con Bonfantini ed Emanuelli fin dagli anni della “Libra”). Sono solo alcuni degli spunti tratti da un’attività che è stata documentata in una mostra di libri, immagini e materiali nell’ottobre 2009 alla Biblioteca Negroni su questi vent’anni del Centro studi guidati dalla lezione del “novarese” Carlo Dionisotti di fare «geografia e storia della letteratura italiana». La mostra è stata l’omaggio a un’associazione divenuta punto di riferimento anche nazionale (segnalata su Wikipedia) per l’attenzione letteraria al Piemonte Orientale, lo studio e la valorizzazione di autori con radici lungo la frontiera del Ticino e dei laghi, l’allestimento di mostre bibliografiche e la fedeltà alla prospettiva della pianura nella narrativa (anche con il premio Graziosi/Terra degli aironi). Grazie al sostegno di Regione Piemonte, Provincia e Comune di Novara, il Centro ha da sempre collaborato con le scuole superiori e con molte università italiane e straniere, a cominciare dall’Università del Piemonte Orientale, e in particolare con la Biblioteca Civica Negroni presso cui ha depositato la sua biblioteca, inaugurata il 26 ottobre 2002 e disponibile per la consultazione pubblica con schedatura nel Servizio Bibliotecario Nazionale. Il Centro cura inoltre una collana editoriale presso Interlinea e sviluppa progetti pluriennali (tra l’altro su Rebora, su Rodari e sulla geografia letteraria) con convegni e contenuti in internet, curando i siti “Novara on line Letteratura” e “Letteratura.it”. Ha proposto eventi per il Salone del libro di Torino e di recente per i centenari di Mario Soldati e Carlo Dionisotti, mentre i “Giovedì letterari in biblioteca”, promossi con la Negroni, sono la più duratura iniziativa

sul rapporto tra scrittori e territorio per continuare a «leggere i segni dell’identità di una città, frammentaria come ogni discorso che ha bisogno sempre di parole nuove».

SOSTIENI QUEST’ATTIVITÀ ISCRIVENDOTI (CON UN OMAGGIO)
 

& Finalità

Il Centro Novarese di Studi Letterari, fondato nel 1989, è “un’associazione di cultura, non ha fini di lucro e ha lo scopo di promuovere e coordinare l’attività di ricerca, la produzione ed educazione nel campo della letteratura e in generale della cultura con una particolare attenzione ai legami con il territorio novarese per la salvaguardia, la rivalorizzazione e la circolazione del suo patrimonio storico di scrittura, a beneficio comune" (dall'art. 2 dello Statuto).
Il Centro è stato riconosciuto Onlus (Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale) nel periodo 1999-2005 secondo le norme di legge.
Finalità del Centro Novarese di Studi Letterari (dall'art. 2 dello Statuto):
- promuovere e attuare ricerche bibliografiche e d'archivio e storico-critiche, organizzando gruppi di studio a livello scientifico o chiedendo la collaborazione di ricercatori e istituzioni culturali, quali ad esempio le università;
- organizzare incontri, seminari di studio e convegni che valgano a proporre e confrontare lo stato delle diverse ricerche, a sollecitare lo sviluppo, a promuoverne di nuove e a permettere la comunicazione degli esiti delle medesime e la discussione tra ricercatori e interessati;

Promuovere attività pubblicistiche ed editoriali per la diffusione di opere letterarie, delle ricerche o di altri testi di interesse culturale, affinché favoriscano un accrescimento dei cittadini;
- avviare proposte educative, anche a livello scolastico
- promuovere l'istituzione
di borse di studio per studenti e ricercatori interessati alla storia e allo studio critico e comparato della letteratura locale e ai temi e problemi ad essa legati in rapporti con il contesto più generale
- raccogliere in una biblioteca i libri, i periodici ed i materiali che interessano la storia della letteratura novarese, piemontese e italiana e di altro materiale audiovisivo di interesse per i fini associativi, promuovendo un archivio storico e critico della letteratura locale, in collaborazione con enti ed istituzioni;
- promuovere ricerche ed iniziative atte a valorizzare e preservare i valori e le testimonianze letterarie della tradizione linguistica locale in dialetto.

& collana editoriale

Il Centro Novarese di Studi Letterari cura una collana di opere dedicate alla letteratura italiana dell’800 e ’900 (con due sezioni. Saggi e Testi; Narrativa) edita da Interlinea di Novara. La collana è denominata “Biblioteca del Centro Novarese di Studi Letterari”. Sono uscite finora opere narrative di Marchesa Colombi, Dante Graziosi e Benito Mazzi e opere miscellanee su Carlo Calcaterra, Francesco Pastonchi, Gianni Rodari, Clemente Rebora, Carlo Dionisotti, Sebastiano Vassalli e altri. Per consultare l’elenco completo dei titoli della collana clicca qui.

 & Organizzazione

- CONSIGLIO DIRETTIVO attuale: Roberto Cicala (presidente), Silvia Benatti e Paolo Verri (vicepresidenti), Valerio Rossi, Marina Vaggi (segretario).
- COMITATO SCIENTIFICO: Carlo Dionisotti (+), Giorgio Bàrberi Squarotti, Massimo A. Bonfantini, Giovanni Tesio, Marziano Guglielminetti (+), Franco Contorbia, Giusi Baldissone.
- COMITATO DI CONSULENTI e amici (sono indicati coloro che hanno favorito e sostenuto con attività e progetti alcune iniziative del Centro): Giuseppe Frasso, Giuseppe Langella, Carlo Carena, Lino Cerutti, Giusi Baldissone, Alberto Antonini, Sebastiano Vassalli,
sGiuseppe Zaccaria, Vanni Scheiwiller (+).
- soci onorari: Dante Graziosi (+), socio onorario dalla fondazione, Claudio Bellezza, Giovanni Silengo, Giovanni Barbero, Adolfo Boroli (+), Luciano Tamburini, Carlo Robiglio, Gaudenzio Barbè, Angelo L. Stoppa (+).
- SOCI SOSTENITORI (sono indicati i soci che almeno una volta hanno versato la quota di socio sostenitore): Franco Guerra, Maria Grazia Vacchina, Francesco Bertone, Benito Mazzi, Diego Graziosi, Sergio Gasparotti, Germano Zaccheo.

& RAPPRESENTANZE

Un rappresentante del Centro Novarese di Studi Letterari ha fatto o fa parte, come consulente letterario, nelle seguenti organizzazioni:
- Consulta Provinciale della Cultura (Provincia di Novara)
- Consulta Comunale della Cultura (Comune di Novara)
- Associazione per la memoria di Mario Bonfantini, Novara
- Laboratorio di editoria dell'Università Cattolica di Milano
- Centro di ricerca "letteratura e cultura dell'Italia unita", Milano
- Club amici di Interlinea
- Premio letterario nazionale "Dante Graziosi/Terra degli aironi"

& per iscriversi

Per iscriversi occorre indirizzare una lettera a: Centro Novarese di Studi Letterari, via Porta 24, 28100 Novara (anche via fax: 0321 612636 / 476104), richiedendo il modulo per l’adesione oppure:
clicca qui

& per informazioni e messaggi

È possibile lasciare un messaggio al Centro Novarese di Studi Letterari:
clicca qui

&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&
Il nostro sito: Novara on line letteratura
I siti a nostra cura: Letteratura.it, Juniorlibri.it
Siti di interesse: Interlinea, Servizio Bibliotecario Nazionale.


Centro Novarese di Studi Letterari
Associazione, via Porta 24, 28100 Novara, fax 0321 612636

Biblioteca del Centro Novarese di Studi Letterari,  presso Biblioteca Civica Negroni, corso Cavallotti 6, 28100 Novara, tel. 0321 0321 3702800