ARCHIVIO

Il doppio anniversario rodariano (ottant’anni dalla nascita e vent’anni dalla morte) ha determinato un fervore di iniziative a Omegna, la città natale dello scrittore. Da quest’autunno fino alla primavera del 2001 si susseguiranno convegni, mostre e spettacoli, saranno pubblicati libri, sarà lanciato un concorso.
Ma l’iniziativa che più di ogni altra sottolineerà il legame tra Omegna e Rodari è quella del Parco della Fantasia. Una iniziativa con la quale la città di Omegna intende richiamarsi direttamente all’impegno pedagogico del grande scrittore.
Parte nel cuore della città e parte su un’altura che domina il lago, su più di 20 000 metri quadrati, dorgeranno la Ludoteca della “Tante storie per giocare”; i Laboratori della “Grammatica della fantasia”, i Giardini della “Torta in cielo”, la Piazza degli “Arcobaleni”. Tanti luoghi fantastici dove i bambini e i ragazzi potranno giocare, creare, immaginare.
La Ludoteca sarà organizzata per centri di interesse e angoli gioco destinati a raccogliere piccoli gruppi; le sue divisioni e i suoi allestimenti cambieranno di anno, ispirandosi a un tema trattato da un racconto di Gianni Rodari.
I Laboratori ospiteranno teatro, pittura, scrittura e fumetto.
Nei Giardini i visitatori troveranno un ambiente sospeso tra realtà e fantasia. Anche qui diversi percorsi: per creare con il paesaggio, per giocare con erbe e animali, per inventare con la natura.


Torna