ARCHIVIO

Lanciata una sottoscrizione per il progetto
"Una biblioteca per gli studi letterari novaresi":
recupero di importanti opere disperse per la Biblioteca Negroni
 

Pubblichiamo la lettera aperta scritta dal presidente del centro Novarese di Studi letterari Onlus e indirizzata a chi è interessato al recupero e alla valorizzazione della cultura letteraria novarese.

Una grande opportunità da non perdere si presenta per la salvaguardia del patrimonio culturale novarese legato alla letteratura. Si tratta di una sfida: se i novaresi e gli appassionati risponderanno entro il 30 aprile a questo appello, lanciato dal Centro Novarese di Studi Letterari (nel decennale della propria attività) col titolo "Una biblioteca per gli studi letterari novaresi" a favore della Biblioteca Negroni, la Fondazione della Comunità del Novarese si è già impegnata a raddoppiare il capitale raccolto, ma soltanto se la sottoscrizione raggiungerà almeno la metà del budget complessivo (12.000 euro). L'obiettivo della raccolta pubblica è dunque di 6000 euro.

UNA BIBLIOTECA PER GLI STUDI LETTERARI NOVARESI
Di che si tratta? Il progetto riguarda una fase di necessario incremento del Fondo librario di autori novaresi che il Centro Novarese di Studi Letterari ha recentemente messo a disposizione della comunità in un locale della
Sezione Novarese della Biblioteca Civica Negroni, attraverso un comodato iniziale - accresciuto annualmente - di circa 500 volumi di difficile reperibilità (dal Bazzoni a Vassalli) e di altrettanti fascicoli di riviste letterarie novaresi (da "La Libra" a "Microprovincia"), al fine di favorirne la consultazione in un'unica sala e così stimolare l'interesse verso questa produzione letteraria, con la consulenza periodica di un nostro operatore volontario. Il primo anno - dopo l'inaugurazione con lo scrittore Sebastiano Vassalli e il professor Giuseppe Zaccaria dell'Università del Piemonte Orientale e anche dopo il successo del primo ciclo dei "Giovedì letterari in biblioteca" - ha rivelato un interesse crescente e una consultazione discreta, soprattutto per ricerche scolastiche e tesi di laurea (sono molte quelle in corso su scrittori novaresi - da Graziosi a Emanuelli -, favorite proprio da questa nuova sala di pubblica consultazione). Il Fondo è regolato da convezione stipulata fra il nostro Centro e il Comune di Novara, che cura la schedatura dei materiali con inserimento nel catalogo del Sistema Bibliotecario Nazionale (SBN). Particolare riscontro riguarda poi l'aggiornamento e la consulenza via internet tramite le pagine nel sito "Novara on line letteratura"

LA SOMMA RACCOLTA COME SARÀ IMPIEGATA?
Il progetto "Una biblioteca per gli studi letterari novaresi", a favore del Fondo di libri letterari novaresi presso la Biblioteca Negroni, intende raggiungere una serie di obiettivi concreti e di assoluto valore:
l'acquisto sul mercato, soprattutto antiquario, di volumi rari e introvabili di scrittori novaresi dei secoli XIX e XX;
la riproduzione fotostatica e la rilegatura di opere non reperibili a Novara;
la microfilmatura o la digitalizzazione, se necessaria, di libri e documenti (soprattutto se reperibili in biblioteche lontane o all'estero, come per esempio è il caso di opere di Dionisotti o traduzioni di Rebora e Rodari...);
l'allestimento di faldoni con ritagli, estratti e rassegne stampa e corrispondenze su argomenti letterari novaresi. Alcuni autori su cui si punta in questa fase del progetto sono: ENRICO EMANUELLI (un suo raro volumetto edito da Scheiwiller è quotato 155 euro; la traduzione inglese di Uno di New York almeno tre volte tanto), CLEMENTE REBORA (alcune sue opere sono valutate oltre 250 euro l'una), LA MARCHESA COLOMBI (sono molte le opere mancanti a Novara, da richiedere in microfilm o copia), CARLO DIONISOTTI (con estratti e opere possedute alla British Library di Londra), GIUSEPPE REGALDI (si trovano ancora sul mercato antiquario prime edizione delle sue poesie rilegate). Ogni volume o materiale acquisito sarà registrato dal nostro Centro e dalla Biblioteca con procedura trasparente.

UN'IDEA ESCLUSIVA DI SEBASTIANO VASSALLI PER I SOSTENITORI
Lo scrittore Sebastiano Vassalli appoggia personalmente questa raccolta di fondi a favore del progetto "Una biblioteca per gli studi letterari novaresi" offrendo l'idea e la cura di una plaquette dedicata al soggiorno novarese del grande poeta Dino Campana, realizzata in tiratura limitata di 100 esemplari numerati e firmati da lui
da offrire a coloro che sottoscriveranno almeno 50 euro.

COME CONTRIBUIRE AL PROGETTO
I versamenti (deducibili dalle imposte) non vanno rivolti direttamente a noi ma, per usufruire della formula che raddoppia il capitale raccolto, devono essere versati soltanto alla Fondazione della Comunità del Novarese Onlus, baluardo Lamarmora 15, 28100 Novara (una nuova realtà che persegue il miglioramento della qualità della vita e il rafforzamento dei legami solidaristici attraverso una promozione della cultura della donazione: http://www.fondazione.novara.it. Le offerte vanno accreditate (oltre che con assegno e banconote inviate all'indirizzo della Fondazione): IN POSTA, conto corrente n. 18205146; IN BANCA: Banca Popolare di Novara, sede, conto n. 9610 abi 05608 cab 10100; Banca IntesaBCI, sede di Novara, n. 29100-1 abi 06070 cab 10100. Ricordiamo che l'elenco dei donatori sarà reso pubblico dalla Fondazione, ma è possibile, su semplice richiesta, mantenere l'anonimato. Inoltre sarà cura della stessa Fondazione (con una segreteria a completa disposizione: tel. 0321 611781 ogni mattina feriale) far pervenire la documentazione necessaria per usufruire dei benefici fiscali previsti dalla normativa vigente, che prevedono la deducibilità dalle imposte di un'aliquota delle donazioni a favore delle Onlus. La scadenza della sottoscrizione è il 30 aprile 2002.

*      *

È una grande opportunità da non perdere per la cultura novarese: intendiamo la cultura non effimera, quella che resta, come i libri e i documenti preziosi e rari che nel futuro saranno sempre disponibili e consultabili al pubblico (studenti, insegnanti, appassionati...) presso la Biblioteca Civica Negroni.

Dimenticavamo: oltre all'edizione esclusiva firmata da Vassalli per le offerte sopra 50 euro, sarà comunque inviato un libro novarese in omaggio, come segno di riconoscenza, a coloro che invieranno un contributo, anche minimo, o anche testi e materiali letterari d'interesse per la biblioteca.

Intanto il nostro Centro prosegue l'attività con ricerche, collaborazioni con università, incontri nelle scuole, un prossimo premio dedicato a Graziosi, una collana, la bibliografia reboriana in fase di pubblicazione...

Grazie! E speriamo di poterci dare appuntamento a una prossima cerimonia in biblioteca per inaugurare i nuovi scaffali arricchiti di nostre radici letterarie. Ancora grazie e un cordiale saluto.


Torna