NEWS

Un’attesa “Bibliografia reboriana”
su un grande poeta del novecento
 
In uscita nel 2003 una ricerca decennale a novant’anni dal capolavoro di rebora,
i frammenti lirici, oltre cinquemila schede bibliografiche dal 1910 a oggi
a cura di Roberto Cicala e Valerio Rossi.

La fine del secolo ventesimo ha coinciso con un’attenzione crescente e una moltiplicazione di studi sulla figura e sull’opera di Clemente Rebora (Milano 1885-Stresa 1957), i cui Frammenti lirici stanno all’origine del Novecento poetico italiano. Era perciò particolarmente attesa una Bibliografia reboriana, finora mai tentata, come quella allestita in un decennio di ricerche e di schedature da Roberto Cicala e Valerio Rossi ed ora edita dalla casa editrice Leo S. Olschki di Firenze. L’utile pubblicazione viene a colmare un vuoto negli studi sul poeta a novant’anni dall’uscita del suo capolavoro, i Frammenti lirici, che Prezzolini pubblicò nelle edizioni della “Voce” nel 1913.

Una prima sezione presenta, suddivise per generi, la bibliografia delle opere di Rebora, con una sezione iconografica; la seconda sezione registra cronologicamente i testi riguardanti la fortuna critica del grande poeta, dal 1912 al 2001, con quasi cinquemila schede bibliografiche, facendo emergere i momenti più significativi (dal risveglio di interesse nel 1937 con Betocchi e Contini dopo la professione religiosa rosminiana e nel 1948 dopo l’uscita delle Poesie presso Vallecchi, alla vastissima attenzione per la morte, fino alla prima monografia del 1960 e alla nuova stagione di studi degli anni novanta, arrivando alle prime iniziative filologiche del nuovo secolo inaugurate dall’edizione del Curriculum vitae nel 2001).
Un’ampia sezione di indici offre una serie di itinerari di lettura e di approfondimento offrendo tracce utili per ricostruire e comprendere la fortuna critica delle opere di Clemente Rebora.

Come scrive Marziano Guglielminetti nella Presentazione del volume, «la bibliografia apre le porte alla storia della critica e bisogna dare atto ai curatori di avere provveduto all’importante bisogna allestendo, nella prima sezione del libro, un catalogo che vorremmo dire eloquente, soltanto che si ponga mente alla lunga battaglia che ha visto la poesia novecentesca collocarsi fra avanguardia e tradizione, quale in specie si è venuta configurando nel palese tentativo di limitare l’area della prima a favore della seconda, ovvero, per far dei nomi, di restringere e comprimere l’area crepuscolare, vociana e futurista, per estendere e rinfoltire l’area ermetica. La presente bibliografia consente gli itinerari suggeriti, e restituisce viva la presenza» di poeta» che già nei suoi giovanili Frammenti lirici aveva intuito un aspetto legato a questo lavoro: «fra quattro mura di libri e d’ombra, / sopra pagine ingombre, / l’amabil giovinezza / qui s’infosca e si spezza», perché «dalle pagine ingombre, ottenebrato / il mio volto s’alza a chiedere / la verità della vita».

Gli autori del volume sono studiosi provenienti dall’Università Cattolica di Milano: Roberto Cicala (critico letterario, direttore editoriale della casa editrice Interlinea, presidente del Centro Novarese di Studi Letterari, ha al suo attivo collaborazioni con quotidiani e riviste letterarie e saggi su scrittori italiani del Novecento e in particolare su Clemente Rebora, del quale ha scoperto molti inediti, pubblicati anche nel suo volume Il giovane Rebora tra scuole e poesia, nella recente edizione commentata del Curriculum vitae e sulle riviste “Microprovincia” e “L’Erasmo”) e Valerio Rossi (insegnante, ricercatore in ambito bibliografico). Insieme hanno curato, tra l’altro, l’edizione di una Vita di san Pier Damiano (Città Nuova), gli atti del convegno Da Petrarca a Gozzano. Ricordo di Carlo Calcaterra (Interlinea) e I libri di Carlo Dionisotti (Scheiwiller-All’insegna del Pesce d’Oro).

Il progetto bibliografico è stato promosso dal Centro Novarese di Studi Letterari e dal Cntro Internazionale di Studi Rosminiani con il patrocinio della Regione Piemonte (all’interno del progetto “Erasmo”), della Provincia di Novara e della Banca Popolare di Novara.

L’aggiornamento della bibliografia reboriana continua a cura del Centro Novarese di Studi Letterari Onlus, via Porta 24, 28100 Novara: a questo indirizzo si possono inviare segnalazioni, articoli, volumi in uscita.


Torna